$ 3.000 Le scarpe di Gesù piene di acqua santa si esauriscono in pochi MINUTI

Un marchio creativo ha dato ad alcune persone fortunate la possibilità di camminare sull'acqua (letteralmente) aggiungendo un po' di spiritualità al loro stile dopo aver rilasciato le 'scarpe da Gesù' in edizione limitata che sono piene di acqua santa e sono state benedette da un sacerdote - e costano un 3.000 dollari sbalorditivi.

Tuttavia, nonostante il prezzo alle stelle, sembra che ci fossero molte persone là fuori disposte a pagare un sacco di soldi per elevare la loro scarpiera con un design così unico e spirituale, perché le scarpe sono andate esaurite pochi minuti dopo essere state lanciato dalla società con sede a Brooklyn MSCHF, secondo Fox News .

Per creare le Jesus Shoes, giustamente chiamate, l'azienda ha dato a un paio di classiche Nike Air Max 97 un rinnovamento religioso, riempiendo prima la suola trasparente piena d'aria delle sneaker con acqua santa che proveniva dal fiume Giordano e poi colorata in per renderlo più visibile all'interno della scarpa.



Una benedizione: un paio di scarpe da ginnastica Nike da $ 3.000 piene di acqua santa e benedette da un prete sono andate esaurite in pochi minuti dopo il lancio online martedì

Una benedizione: un paio di scarpe da ginnastica Nike da $ 3.000 piene di acqua santa e benedette da un prete sono andate esaurite in pochi minuti dopo il lancio online martedì

Salva la tua suola: le scarpe sono riempite con 60 cc di acqua santa proveniente dal fiume Giordano in Israele, quindi colorata per essere più visibile nelle sezioni trasparenti della sneaker

Salva la tua suola: le scarpe sono riempite con 60 cc di acqua santa proveniente dal fiume Giordano in Israele, quindi colorata per essere più visibile nelle sezioni trasparenti della sneaker

Stile spirituale: c'è anche un crocifisso attaccato ai lacci di una delle scarpe da ginnastica, oltre a una singola goccia di sangue su ciascuna lingua, destinata a rappresentare il sangue di Cristo

Stile spirituale: c'è anche un crocifisso attaccato ai lacci di una delle scarpe da ginnastica, oltre a una singola goccia di sangue su ciascuna lingua, destinata a rappresentare il sangue di Cristo

Desideroso di assicurarsi che le scarpe portassero molti tocchi religiosi, il marchio ha poi aggiunto molti altri elementi spirituali al design, aggiungendo un versetto biblico - Matteo 14:25 - in lettere nere sul lato della scarpa, oltre a una singola goccia di sangue , per rappresentare il sangue di Cristo, che si trova sulla linguetta della sneaker.

I designer di MSCHF hanno quindi infilato un crocifisso sui lacci di una delle scarpe di ogni paio e hanno aggiunto una soletta rossa, destinata a fare riferimento alle scarpe papali rosse che erano tradizionalmente indossate all'esterno dal papa, fino a quando l'attuale papa, papa Francesco, ha realizzato le decisione di indossare invece calzature nere.

Omaggio: una soletta rossa rappresenta le scarpe rosse che venivano tradizionalmente indossate dal Papa quando usciva

Omaggio: una soletta rossa rappresenta le scarpe rosse che venivano tradizionalmente indossate dal Papa quando usciva

Come tocco speciale finale, le suole di ciascuna delle scarpe - di cui sono state realizzate meno di 24 paia - erano anche profumate di incenso, uno dei tre doni presentati a Gesù bambino nel racconto neotestamentario della sua nascita.

Anche la confezione ha ricevuto un restyling religioso, con i designer che hanno aggiunto alla scatola l'immagine di un angelo, oltre a un sigillo modellato sul sigillo papale.

Lungi dall'essere un tentativo di diffondere un po' di spiritualità nel mondo, tuttavia, l'obiettivo di MSCHF con il rilascio delle scarpe da ginnastica era in realtà quello di deridere l''assurdità' della 'cultura della collaborazione'.

Parlando con il Posta di New York , il capo del commercio del marchio, Daniel Greenberg, ha spiegato che il personale dell'azienda stava condividendo idee per idee di collaborazione ridicole, prima di iniziare a chiedersi: 'Come sarebbe una collaborazione con Gesù Cristo?'

Facendo riferimento a una recente collaborazione virale tra Adidas e Arizona Iced Tea, Greenberg ha spiegato: 'Volevamo fare una dichiarazione su come è diventata assurda la cultura della collaborazione'.

A luglio i due marchi hanno collaborato su un design di sneaker in edizione limitata, che è stata poi venduta per soli 99 centesimi in una bodega di New York - un'acrobazia che ha suscitato un tale ondata di interesse, che ha portato a una rivolta per strada mentre le persone ci provavano disperatamente per mettere le mani sulla scarpa.

Impostazione della scena: oltre a inviare le scarpe a diverse celebrità e influencer, il marchio ha anche svelato le immagini della campagna per suscitare interesse per le sneakers

Impostazione della scena: oltre a inviare le scarpe a diverse celebrità e influencer, il marchio ha anche svelato le immagini della campagna per suscitare interesse per le sneakers

Scherzo: secondo MSCHF

Scherzi: secondo il capo del commercio di MSCHF, lo scopo del comunicato era deridere l''assurdità' della cultura della collaborazione

Significato: il tocco finale sul design della sneaker è stato l'aggiunta di un versetto biblico - Matteo 14:25 - e una suola profumata all'incenso

Significato: il tocco finale sul design della sneaker è stato l'aggiunta di un versetto biblico - Matteo 14:25 - e una suola profumata all'incenso

E Arizona e Adidas non sono gli unici marchi a provocare una tale frenesia di eccitazione con una collaborazione in edizione limitata; quando l'etichetta di streetwear Supreme ha collaborato con Louis Vuitton, i modelli sono andati esauriti in pochi minuti.

Collaborazioni simili con il famoso marchio Kith hanno anche prodotto gli stessi sorprendenti livelli di interesse.

Puntando in alto, il team ha proposto una collaborazione con 'una delle figure più influenti della storia': Gesù Cristo.

Dibattito: le scarpe si sono rivelate controverse sui social media, con alcuni che hanno fatto esplodere il concetto, mentre altri l'hanno elogiato come uno scherzo divertente

Dibattito: le scarpe si sono rivelate controverse sui social media, con alcuni che hanno fatto esplodere il concetto, mentre altri l'hanno elogiato come uno scherzo divertente

'In quanto ebreo, l'unica cosa che sapevo era che camminava sull'acqua', ha aggiunto Greenberg, rivelando come è nato il concetto per la sneaker, mentre spiegava che era in realtà responsabile dell'approvvigionamento dell'acqua santa da un 'amico in Israele'.

L'azienda ha quindi seguito le pratiche collaudate di così tante collaborazioni di moda passate, generando interesse e intrighi nel loro lancio attraverso celebrità e influencer, inviando solo alcune paia a utenti di social media di alto profilo prima del rilascio pubblico.

MSCHF ha quindi presentato le scarpe sul popolare sito Web di rivendita di scarpe da ginnastica StockX, dove sono volate via dagli scaffali in pochi minuti, lasciando dietro di sé non solo una spruzzata di acqua santa.

Non sorprende, tuttavia, che le scarpe abbiano suscitato serie polemiche online, con molti che hanno indirizzato in modo errato abusi sul rilascio da parte di Nike, che non ha avuto alcun input o coinvolgimento nel design delle sneakers.

Infatti, nonostante Greenberg abbia confermato che MSCHF ha acquistato le scarpe da ginnastica originali al prezzo di vendita e non le ha ricevute da Nike, molti utenti di Twitter hanno criticato l'azienda di abbigliamento sportivo, accusandola addirittura di 'adorare il diavolo'.

Altri hanno semplicemente marchiato le scarpe - e chiunque pagherebbe una così grande quantità di denaro per acquistarle - 'stupide' e 'ridicole'.